Fragilità

Nell’ultima newsletter, che poi è la prima delle nuove “lettere” mensili che vi spedisco sul tema dell’amore e delle relazioni, ho nominato il mito del guaritore ferito.

Il mito è piuttosto conosciuto: Chirone, saggio e benevolo centauro immortale, fu colpito per errore da una freccia di Eracle. Questa ferita inguaribile gli provocava moltissimo dolore e lo condannava a una vita di sofferenza proprio a causa della sua immortalità. Zeus, mosso a compassione, permise a Chirone di donare la sua immortalità a Prometeo, salvando lui e tutti gli uomini.

Ma Chirone non si fece abbattere dal dolore e dall’idea della morte: passò invece tutta la vita a studiare e imparare l’arte medica attraverso cui risanare gli infermi e gli ammalati; fu insegnante perfino di Asclepio, leggendario padre della medicina. Fu imparando l’arte della cura, sollecitato da quello che gli era accaduto, che Chirone riuscì a trovare significato per la sua stessa sofferenza.

Questo mito ha avuto moltissime interpretazioni, ispirando grandi psicologi (come Jung) sul tema e sul valore della fragilità che, quando non viene negata, può diventare vera forza per sé e per gli altri.

Diventa invece drammatica proprio quando viene esaltata in quanto tale (la fragilità fine a se stessa), quando ci si lascia andare all’impotenza, quando viene negata o sminuita.

Sentirsi fragili può far sentire soli, molto soli. Ma può essere anche un ponte per incontrare altre solitudini, altre fragilità, e per scoprire che in fondo nessuno viene definito da questo. Possiamo essere (anche) fragili, e molto altro.

Cos’altro puoi essere?

 

Piaciuto l’articolo? Per rimanere aggiornati e non perdere i prossimi articoli è possibile iscriversi alla mia Newsletter a questo link.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>