Sulla comunicazione scientifica

Perché dedicare tempo a scrivere e curare articoli per riviste scientifiche o di divulgazione in ambito psicologico?

Personalmente, questo mi aiuta ad essere una psicoterapeuta migliore, più aggiornata, allenata a pormi continuamente nuove domande.

Soprattutto, però, credo che nessuno di noi – ricercatore, professionista o cittadino che sia – possa davvero chiamarsi fuori dal discorso scientifico e dal tentativo di renderlo il più possibile solido e utile per le persone, ognuno per il proprio pezzetto e con le proprie competenze. Non impegnarsi in questo significa lasciar decidere ad altri (magari portatori di una “cattiva” scienza, o di una pseudo-scienza) che cosa è importante per la nostra salute e per il nostro benessere.

Ne scrivo, tutto d’un fiato, nel mio editoriale per la Rivista Italiana di Costruttivismo

L’accesso è libero e gratuito, previa registrazione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>