Frammenti di psicoterapia #3: storia di una donna in lotta con il suo corpo

In certi momenti mi assaliva uno strano stato d’animo che non avrei potuto spiegare a nessuno, sentivo come un vuoto incolmabile dentro di me. Ecco, in quei momenti solamente un bel pacco di biscotti poteva riportarmi a una realtà senza sofferenza, una sorta di anestesia saporita. Cercavo di sopravvivere relegandomi…

Continue reading

Frammenti di psicoterapia

“Ma cosa si fa in psicoterapia?” “Ti sfoghi, hai qualcuno che ti ascolta… e poi?” “Come accade che con la terapia riesci a cambiare?” La psicoterapia non è magia. Non è manipolazione. Non è un semplice “sfogatoio”. Non è una fede, e infatti non è qualcosa a cui credere o…

Continue reading

Storie di psicoterapia #2: un lutto e un nodo in gola che non se ne va

Erano tre anni che il padre di Sandra non c’era più quando lei decise di iniziare una psicoterapia. Ci aveva riflettuto a lungo prima di farlo, pensava mentre guidava verso lo studio del terapeuta che aveva scelto, verificando accuratamente che fosse in una zona un po’ fuori dai suoi giri…

Continue reading

Orientarsi nelle scelte

  Negli ultimi due mesi le mie attività professionali mi hanno posto a confronto più volte con la parola “orientamento“. Quando la sentiamo tendiamo ad associarla a quei momenti di passaggio tra i vari gradi scolastici in cui eravamo chiamati a fare una scelta: cosa fare dopo la terza media?…

Continue reading

“Tredici”: la serie tv che parla di chi soffre e di chiedere aiuto

Attenzione: NON contiene spoiler “Tredici”, la nuova serie televisiva statunitense da poco disponibile anche in Italia, non è facile né guardare né da digerire. Basata sul romanzo dello scrittore Jay Asher, racconta del suicidio della diciassettenne Hannah Baker e del doloroso, lancinante percorso che l’ha portata a scegliere di mettere…

Continue reading

Esperienze in terapia – Giudizio o comprensione?

È mercoledì pomeriggio, entra l’ultima persona prevista per la giornata. È la terza volta che ci vediamo e a differenza degli altri due colloqui, dopo essersi accomodata sulla sedia, mi guarda dritta negli occhi e mi chiede: “ora che le ho detto tutto, si sarà fatta un’opinione: cosa pensa di…

Continue reading

Piacere, ma a chi?

“Tutti abbiamo bisogno di qualcuno che ci guardi. A seconda del tipo di sguardo sotto il quale vogliamo vivere, potremmo essere suddivisi in quattro categorie. La prima categoria desidera lo sguardo di un numero infinito di occhi anonimi. (…) La seconda categoria è composta da quelli che per vivere hanno bisogno…

Continue reading